HANNA MACIEJEWSKA

HANNA MACIEJEWSKA
27 dicembre 2016 Talina

thessaly-by-hanna-maciejewska-pom-pom-quarterly-issue-18-autumn-2016

Se amate lavorare creando capi in grado di esaltare la femminilità, se il vostro ideale è mettere in risalto le forme sensuali che pullover, cardigans e abiti fascianti sanno porre in evidenza, se il petto esuberante non rappresenta un limite ma una sfida da armonizzare in un sapiente lavoro di sagomaura della vita, se vi piacciono i colli profondi, se la lavorazione top-down è vostro pane quotidiano, se la ricerca del dettaglio è per voi un imperativo, allora non avete che da sfogliare il centinaio circa di pattern che Hanna Maciejewska ha pubblicato su Ravelry e raccolto sul suo sito o su instagram e scegliere quello che preferite.

Polacca di Torùn, Hanna è mamma felice di una ragazza di otto anni.
Ha vissuto per alcuni periodi in Gran Bretagna e Stati Uniti ma poi, vinta dalla nostalgia, è tornata alla sua terra.
Deve la passione alla nonna e la possibilità di poterla esercitare a un marito disponibile e presente (che la aiuta nel business occupandosi della parte “computer”).
Insomma, un’altro quadro di serena tranquillità famigliare che riesce a far emergere il meglio di ciascuno.

E questo meglio è davvero apprezzabile nei suoi lavori che fanno del dettaglio e del particolare le cifre caratteristiche.
L’ispirazione è evidentemente tratta da una natura cui Hanna dichiara esplicitamente di ispirarsi.
Geometrie di ghiaccio, intrecci di foglie, filigrane di fiori e boccioli colmano le sezioni frontali, le spalle e i bordi delle sue creazioni.

L’aspetto che però maggiormente ci ha sorpreso, è la sua professionalità.
In un contesto economicamente difficile come quello che l’est Europa sta attraversando (per alcuni versi simile a quello italiano) la Maciejewska, che pur è mossa dalla più trasparente passione, dichiara che ogni suo sforzo avviene nel rispetto di un ferreo business plan che la orienta in modo tale da garantire che la passione possa trovare adeguato riscontro anche a fine mese.

E’ in quest’ottica che ogni modello è normalmente testato da quattro knitters che lo replicano almeno un paio di volte in ciascuna taglia, per essere certa che quel che mette in vendita davvero possa lasciare il cliente completamente soddisfatto.

C’è da meditare su tanta serietà professionale; quella stessa che ci auspichiamo possa diffondersi anche alle nostre latitudini affinchè il valore dello knitting possa accrescere di giorno in giorno.