JOSH RYKS

JOSH RYKS
8 febbraio 2017 Talina

IMG_1955_medium2

A scorrere la sua produzione, quello che appare evidente è il tema ricorrente o, per meglio dire, la sua specializzazione: gli accessori; e tra questi, gli scialli.
E non ci pare un caso; le migliori creative donne, spaziano su gran parte delle possibilità del lavoro ai ferri articolando le loro produzioni su molteplici segmenti (maglie, guanti, cardigan, copricapi, stole) a differenza degli uomini che, al contrario, sono usualmente monotematici.
Anche in questo campo non possiamo far altro che rilevare ancora una volta l’abissale differenza che passa tra il pensiero femminile e quello maschile, notando come un uomo sia in grado di elaborare un solo pensiero alla volta …. ma quando lo fa, applicandosi con totale dedizione come in questo caso, il risultato è davvero notevole.

Josh Ryks nasce in Minnesota e fin da bambino si appassiona di design e di knitting apprendendo le tecniche da autodidatta (o meglio, sfogliando un testo di knitting che la nonna regalò alla sorella).
Fan di Stephen West, da’ inizio ufficiale alla propria carriera di designer dopo aver realizzato uno scialle del maestro e si appassiona così profondamente al lavoro con i ferri circolari che decide di fare di questa arte la sua professione.
All’attività manuale unisce l’obiettivo di divulgare quanto più possibile non tanto e non solo la propria attività quanto il mondo stesso dello knitting, del design e dei filati. A questo scopo apre un podcast youtube “swordofaknitter che arricchisce settimanalmente arrivando a pubblicare qualcosa come 150 video … quando si dice “la tenacia” :).

Il suo lavoro si riconosce dalla geometria dei disegni, dal ritmo delle trame, dalla stringatezza delle righe e dalla tavolozza cromatica spesso ai limiti dell’eccesso, dall’utilizzo di filati di tipo fingering meglio se in alpaca, merinos o seta: capi condensati in quello che lui stesso definisce il suo miglior scialle Urban Survival“.

Attualmente è alla sua settima produzione di pattern.

Che dire; a noi piace moltissimo e quindi continueremo a seguirlo nella sua evoluzione, proponendovi i lavori che riterremo migliori su queste pagine.
Al momento ci limitiamo a replicarne i pattern, naturalmente usando alpaca, merinos e seta  Laines du Nord, rammentando il suo “segreto” per il successo di un designer: <<Lavorare per divertimento e non per il compenso>>.
Crediamo sia proprio questa la giusta via per la piena soddisfazione.

Buon knitting a tutti!